Pasqua Uova di Cioccolata Cover

Pasqua Uova di Cioccolata

Pasqua Uova di Cioccolata. Di UniPrice. Abbiamo già affrontato in un nostro precedente articolo come la nostra Storia possa cambiare grazie alla scoperta delle proprietà di particolari piante. Come il Caffè, anche il Cacao sarà portatore di una rivoluzione culturale, cambiando gusti e abitudini di un intero Continente.

Nel 1519 lo spagnolo Hernan Cortés approdò in Messico, alla ricerca dei tesori Aztechi dell’El Dorado, un luogo leggendario in cui vi sarebbero state conservate immense quantità di oro e pietre preziose.
Ma l’oro degli dei si rivelò essere anche altro: i semi preziosi di una pianta utilizzati nella preparazione di una bevanda dalle proprietà energetiche e rivitalizzanti, la xocolatl.

Pasqua Uova di Cioccolata Fave di Cacao

Fave di Cacao

Pasqua Uova di Cioccolata

Un Segreto Spagnolo

La pianta del cacao, secondo la leggenda, arrivò sulla Terra come dono per gli uomini, rubato agli dèi dal dio Quetzalcoatl (Serpente Piumato).

I conquistatori spagnoli tennero nascosti i segreti del cacao per molto tempo, così come la ricetta per lavorarlo e l’attrezatura necessaria. Fu solo nel 1579, quando alcuni pirati inglesi attaccarono una nave mercantile spagnola la scoprirono piena di fave di cacao. Il cacao smise di essere un segreto spagnolo e la sua popolarità si diffuse rapidamente negli altri paesi europei.

Nel 1615, il cacao trovò la strada per la Francia, alla corte di Luigi XIV che concesse a David Chaillou una “autorizzazione reale” per aprire la prima cioccolateria a Parigi.

Le Uova e la Quaresima

La tradizione di mangiare le uova per Pasqua risale a tempi antichissimi. Prima del Cristianesimo, era con lo scambio e il consumo delle uova che si festeggiava la Primavera e, simbolicamente, il ritorno della vita dopo il lungo riposo invernale.

Con l’avvento della religione cristiana, l’uovo assunse il significato di Resurrezione di Cristo, quindi anche qui la rinascita del Dio fatto uomo.
Durante la Quaresima era proibito consumare uova, così si prese l’abitudine di bollirle per conservarle fino alla Pasqua, colorandole di rosso e decorandole con segni e simboli sacri.

Nel periodo della Quaresima i monaci iniziarono a preparare e consumare la cioccolata come bevanda, quando bisognava rispettare il digiuno: il cacao era un alimento consentito e poteva dare la giusta energia per affrontare la lunga giornata di penitenza.

Pasqua Uova di Cioccolata Monaci e Quaresima

I Monaci aggiunsero lo Zucchero al Cacao

Pasqua Uova di Cioccolata

Pasqua Uova di Cioccolata Uovo Fabergé

Il primo Uovo realizato dall’orafo Fabergé

Pasqua Uova di Cioccolata

Nel 1272 il Re d’inghilterra Edoardo I iniziò l’usanza di commissionare uova preziose, rivestite d’oro, da donare ai nobili in occasione della Pasqua.

Ma fu nel 1885 che le uova pasquali assunsero l’aspetto di oggetto preziosissimo dedicato solo ai regnanti delle ricche corti europee. All’orafo Peter Carl Fabergé lo zar Alessandro III commissionò il primo uovo in oro e pietre preziose come sorpresa di Pasqua per la moglie Maria Fëdorovna.

L’uovo, smaltato di colore bianco opaco, di 64 mm e con un diametro di 35 mm, aveva all’interno un tuorlo tutto d’oro, contenente a sua volta una gallinella dorata con gli occhi di rubino.

Quest’ultima racchiudeva una copia in miniatura della corona imperiale contenente un piccolo rubino con una catenina che consentiva di indossarlo al collo.

Il primo uovo di Fabergé divenne famoso e contribuì a diffondere la tradizione della sorpresa dentro l’uovo.

La Rivoluzione Golosa

La macinazione dei semi, la dolcificazione con il miele, la colatura e, infine, l’aggiunta di aromi come la vaniglia, il peperoncino, la cannella rivoluzionerà tutta la pasticeria europea.

Attorno al 1600, in Italia, Belgio, Germania, Svizzera, Inghilterra, nascono le prime Chocolate House solo per le classi più ricche, luoghi privilegiati dove sorseggiare un piacere molto costoso. Al cacao, l’oro degli dei, furono attribuite proprietà miracolose, come quella di allungare la vita.

Gli europei si scoprono golosi di questa bevanda che, grazie ad alcune invenzioni, diventerà anche cibo solido.
Non mancarono i primi esperimenti culinari a base di cacao, come i cioccolatini ripieni, il cioccolato con le nocciole, creme pasticcere al cioccolato e ganache con panna.

Pasqua Uova di Cioccolata Cioccolata Aromatizzata

Cioccolata Aromatizzata

Pasqua Uova di Cioccolata

Pasqua Uova di Cioccolata Cadbury Produzione Uova di Cioccolata

Cadbury, la Produzione di Uova di Cioccolata ieri e oggi

Pasqua Uova di Cioccolata

Cioccolato Portatile

Si attribuisce all’inglese Joseph Fry l’invenzione delle barrette di cioccolata, nel 1847, mentre all’olandese Van Houten (1825) spetta l’invenzione di una pressa in grado di separare la parte solida del cacao dalla parte grassa, il famoso burro di cacao. Creò così anche una polvere facilmente diluibile in acqua e altamente digeribile. Nasceva la cioccolata solubile.

In Germania e in Francia i cioccolatai producevano le prime uova di cioccolato, ancora piene e friabili. L’invenzione di Van Houten permise di ottenere una pasta facile da lavorare e abbastanza liquida da poter rivestire uno stampo. Nel corso dell’Ottocento ci furono ulteriori progressi che portarono alla realizzazione di una polvere di cioccolato pura, senza grassi, a cui veniva aggiunto zucchero e successivamente il burro precedentemente spremuto via. In questo modo si poteva ottenere una pasta liquida che era facile da far fluire in uno stampo.

La Cadbury, un’azienda dolciaria inglese, nel 1875 realizzò il primo uovo di cioccolato pasquale vuoto con all’interno una sorpresa e nel 1905 introdusse un’altra innovazione: le uova di cioccolato al latte, che era stato inventato trent’anni prima in Svizzera.

Dalla Crisi un’Opportunità

Durante il 1861 nel giovane Regno d’Italia enormi difficoltà finanziarie costrinsero al razionamento di molti beni di importazione, tra cui anche il cacao.

I cioccolatai piemontesi della Caffarel si videro costretti a trovare una soluzione per sopperire alla carenza di cacao, introducendo un ingrediente particolarmente abbondante nel loro territorio: le nocciole.

Questa nuova ricetta fu lanciata durante il Carnevale del 1865 con il nome di Gianduja, per rendere omaggio alla famosa maschera piemontese Gian d’la Duja.

Pasqua Uova di Cioccolata Gianduja e Giandujotto Walther Jervolino

Gianduja e Giandujotto, l’opera di Walther Jervolino e il famoso cioccolatino piemontese

Pasqua Uova di Cioccolata

Pasqua Uova di Cioccolata Stampo per Uova di Pasqua
Pasqua Uova di Cioccolata Piano Induzione

Preparare l’Uovo di Pasqua in Casa

Con una dose di pazienza e l’adeguata attrezzatura è possibile preparare Uova di Pasqua al cioccolato che poi potremo decorare o arricchire di sorprese a nostro piacimento.

La fase più delicata è quella del temperaggio del cioccolato che deve essere di prima qualità.
Il segreto del corretto temperaggio per ottenere cioccolato lucido, senza striature, dall’aspetto invitante e che si sformi facilmente, è la temperatura necessaria per farlo sciogliere.

La temperatura deve mantenersi tra i 40° e 45°C. Un volta sciolto il cioccolato, versarne i 2/3 sul piano di lavoro freddo, preferibilmente di marmo, e, con l’aiuto delle spatole, lavoralo velocemente così da portarlo ad una temperatura di circa 29°C.

Versare il cioccolato lavorato nel restante cioccolato fuso e mescolate fino ad ottenere una massa omogenea e raggiungere la temperatura di 32°C per il cioccolato fondente, 30°C per il cioccolato al latte e 29°C per il cioccolato bianco.

A questo punto il cioccolato è pronto e adeguatamente temperato. Versarlo velocemente nello stampo facendolo roteare in modo da foderare completamente le cavità.

Capovolgere lo stampo così da far cadere il cioccolato in eccesso. Metterlo in frigo per una decina di minuti poi toglierlo dallo stampo. Avremo così ottenuto le due parti dell’uovo che uniremo con del cioccolato fuso e aspettare che si aciughi sigillandolo. Non dimenticate la sorpresa!

Piani Cottura Induzione: estrema precisione nel controllo della temperatura

I piani cottura a induzione AEG offrono sicurezza e pulizia unite a un controllo ottimale della temperatura.
Tutti i piani a induzione AEG hanno una funzione di riconoscimento automatico della pentola e il calore può essere regolato e controllato con estrema precisione, molto elevato o delicato quanto basta per sciogliere il cioccolato direttamente nella pentola e potrete scegliere voi la temperatura più adeguata.

Grazie alla potenza regolabile a 9 oppure a 14 livelli, a seconda del piano cottura scelto, si possono effettuare tutte le cotture più delicate, come far sciogliere il cioccolato, senza il rischio che bruci o attacchi.

Il Piano Cottura Induzione Smeg SI5642D è dotato di differenti livelli di cottura garantiscono la massima flessibilità di utilizzo, permettendo di cucinare con maggiore precisione e un accurato controllo delle temperature per tutti i tipi di pietanze.

Elettrodomestici Spaziali Forno Beko OIM25901X

Piano Cottura Induzione AEG HK604200IB

Pasqua Uova di Cioccolata

Elettrodomestici Spaziali Forno Beko OIM25901X

Piano Cottura Induzione Smeg SI5642D

Pasqua Uova di Cioccolata

Elettrodomestici Spaziali Forno Beko OIM25901X

Piano Cottura a Induzione Beko HII 68600 PTX

Pasqua Uova di Cioccolata

Elettrodomestici Spaziali Forno Beko OIM25901X

Piano Cottura Induzione 30 cm Lofra HIN302

Pasqua Uova di Cioccolata

Compara i Prodotti
Logo Uniprice

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra lista e rimani aggiornato sulle ultime offerte e sulle novità nel settore degli elettrodomestici.

Trattamento dei Dati

Sei iscritto, controlla la tua email per la richiesta di conferma.

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi